Scopriamo insieme un modo per ritrovare il tuo benessere dandoti le chiavi del miglioramento

Dr. Paolo Mosso
Ho 32 anni e sono nato e cresciuto a Torino. Dopo aver conseguito una laurea in ingegneria, scopro il Metodo Feldenkrais e successivamente decido di partecipare ad un percorso di formazione per diventarne insegnante.
Mi sono affacciato al Metodo per necessità: soffrivo di dolori cronici alla schiena e all'addome, che mi rendevano impossibile fare dei respiri profondi, e avvertivo un persistente dolore al nervo sciatico. Il Metodo Feldenkrais si è rivelato per me qualcosa di "inesorabilmente efficace", dati i numerosi cambiamenti che ho potuto provare su di me.
Nella pratica di insegnamento del Metodo mi rivolgo soprattutto alle persone con dolori cronici, e a chi ha subito traumi fisici. Ho praticato sport a livello agonistico e non (calcio, snowboard, arrampicata) e suonato per tanti anni il violino, pertanto trovo entusiasmante anche lavorare con chi vuole migliorare le proprie prestazioni fisiche e raffinare i propri movimenti sviluppando maggiormente la propria sensibilità.
Sono iscritto all'Associazione Italiana Insegnanti Metodo Feldenkrais che tutela l'insegnamento e la diffusione del Metodo.

Vuoi ridurre la tensione e il dolore muscolare? Vuoi ritrovare più facilità ed efficienza nei movimenti?
Vuoi scoprire un modo per accrescere vitalità e benessere? 
Contattami e prenota una lezione individuale.

A TORINO

In Corso Vittorio Emanuele II, 80

CONTATTI

Tel: 3470744321
Email: info@feldenkrais-to.it
FB: facebook.com/torinofeldenkrais

Gli ultimi articoli dal blog

Perché ci incurviamo? E come uscirne?

Come nascono le nostre storture? Le nostre gobbe, le nostre curve scoliotiche, le asimmetrie o le abitudini a tenere alcune parti del corpo molto contratte? Perché se la nostra muscolatura è volontaria ci ritroviamo a non poter più fare tanti movimenti? Feldenkrais lo spiegava in una maniera molto semplice: L'efficacia e la scientificità del Metodo si fondano sulla legge fisiologica di Weber-Fechner, che studia il rapporto tra i sensi e la loro sensibilità...
Leggi l'articolo

La memoria del trauma

I traumi rimangono impressi. La parola trauma ha due significati, uno indicante una lesione prodotta nell'organismo da un agente esterno con un'azione improvvisa e rapidissima, l'altro che indica un evento negativo, che incide sulla persona e la disorienta. Molte persone soffrono di dolori più o meno cronici in seguito a traumi fisici subìti, si pensi ad esempio al frequentissimo colpo di frusta. Perché il dolore persiste?
Leggi l'articolo

La consapevolezza del movimento

Tutti noi, vedendo un bambino di 6 anni impegnato a scrivere con una penna su un foglio, possiamo notare senza bisogno di ragionamento se il suo modo di scrivere è impacciato o fluido, se impugna la penna in maniera comoda o meno, e se compie troppo sforzo andando quindi un po' a scatti, senza riuscire a tracciare delle linee curve ed omogenee. Ad esempio, con un colpo d'occhio all'immagine qui sopra, possiamo farci un'idea sulla qualità della scrittura che mette in atto il bambino della foto.
Leggi l'articolo