Diario di un corpo #8 – Il tocco che cura

tre livelli cervello

Leggendo l’interessante libro Il corpo accusa il colpo emerge alla mia comprensione, in maniera ancora più chiara di prima, la differenza tra i vari “livelli” del sistema nervoso.
Ai livelli più bassi e primitivi, che si sviluppano per primi, competono funzioni primitive e fondamentali.
I livelli successivi sono di pertinenza di funzioni superiori.
Le abilità cognitive sono ovviamente le ultime a formarsi. È infatti noto che molti aspetti di quello che chiamiamo carattere si giochino nei primissimi anni di vita, quando la corteccia non è ancora propriamente sviluppata. Quando non si ha capacità di astrazione, e quindi, per esempio, non esiste ancora una intelligenza verbale.
Faccio quindi riferimento alla nota “tripartizione”  del sistema nervoso, in ordine di sviluppo, in: 1) tronco encefalico, 2) cervello limbico, 3) corteccia prefrontale.(¹)

Il libro riporta che gli esami strumentali eseguiti su persone che hanno avuto evidenti problematiche relative ad esperienze traumatiche (veterani di guerra, vittime di abusi in tenera età, sopravvissuti a catastrofi…), hanno evidenziato che le disfunzioni delle condizioni post traumatiche impattano tutto il sistema nervoso, coinvolgendo anche il tronco encefalico.(²)

Il tronco encefalico (primo livello) gestisce le funzioni e attività fondamentali e primitive che riguardano i bambini appena nati: mangiare, dormire, svegliarsi, piangere, respirare, percepire la temperatura, la fame, il dolore…

Durante la nostra vita quotidiana, le strutture del cosiddetto cervello emotivo (sistema limbico, secondo livello) decidono costantemente se ciò che percepiamo è pericoloso o sicuro.
Il nostro “sistema di valutazione delle minacce” dispone di due modalità: dall’alto verso il basso, modulando i messaggi dalla corteccia prefontale e prefrontale mediale (terzo livello); o dal basso verso l’alto, attraverso il tronco encefalico, tramite la respirazione, il movimento e il contatto.

Ecco quindi aperta la strada ai due approcci che solitamente adottiamo quando vogliamo migliorare le nostre condizioni: dall’alto verso il basso (up-bottom), mediante processi cognitivi, quindi attraverso la parola, il ragionamento, la lucidità, e la possibilità di illuminare con la consapevolezza i grovigli emotivi che tentiamo di districare.
O dal basso verso (bottom-up) l’alto attraverso un lavoro incentrato sul corpo e la cosiddetta consapevolezza corporea. Queste due strade possono quindi incontrarsi nel mezzo.(³)

La “porte” attraverso cui entrare per migliorare la regolazione del sistema nervoso, dal basso verso l’alto, sarebbero quindi: respirazione, movimento e contatto.
Così come respirare può essere involontario o volontario, e quindi coinvolgere diversi centri del sistema nervoso, anche il movimento e il contatto umano possono coinvolgere i differenti livelli.
In un post di qualche tempo fa facevo notare che si può fare “esercizio” o movimento con l’obiettivo di migliorare la coordinazione e/o l’azione. Ciò che compete la coordinazione scheletrica riguarda livelli più profondi del sistema nervoso.
C’è quindi movimento e movimento.
Così come c’è tocco e tocco.
C’è un tocco che in un certo senso rimane in superficie e un tocco che può interagire con i livelli più profondi del sistema nervoso, e riorganizzare dal basso le attività superiori in una maniera che il movimento attivo non può conoscere.

Mi ha colpito un estratto di una formazione tenuta dal dr. Feldenkrais in cui sosteneva che ci fosse una differenza tra un tocco di tipo medico-diagnostico e un tocco che cura (healing touch). Diceva che il tocco che cura ha qualcosa a che vedere con quello di una madre che tiene in braccio il neonato. E che è un tocco in grado di curare più del tocco di un medico o di un esperto. Ma anche che qualora si trovasse un medico in grado di toccare in maniera curativa, allora questi varrebbe oro.(⁴)

Non credo di esagerare se dico che il trauma, in una certa misura, è connaturato all’esperienza umana. Anche di chi ha condotto una vita che definirebbe lineare e “normale”.
Qualche giorno fa mi trovavo in un negozio in cui c’era anche il figlio della titolare, di 11 mesi, e piangeva disperato ogni volta che la mamma si avvicinava alla porta del negozio, anche solo per aprire ad un potenziale cliente. Temeva che uscisse. Poi si sentiva immediatamente rassicurato e gioioso grazie al fatto che la mamma non fosse uscita ma rimasta in negozio. Mi ha stupito il potenziale di disperazione autentica che leggevo negli occhi del piccolo, nonostante i “grandi” siano pronti a ridacchiarci su nel tentativo di smorzarne comprensibilmente la gravità.
Tutti siamo segnati in misura maggiore o minore da esperienze che solo dall’esterno possono sembrare poco rilevanti, e tutti desideriamo evitare che qualcosa di spiacevole ci accada.

Del Metodo Feldenkrais – da cliente prima e da insegnante poi – mi ha sempre colpito la qualità del tocco. L’insegnante si ingegna per poter usare le mani al massimo della loro capacità percettiva e al minimo della tensione periferica che è consentita dal momento.

La possibilità di essere manipolati da mani il più possibile prive di tensione superficiale superflua, che infondono sicurezza e calma, e che trasmettono un movimento che proviene dalle parti centrali del corpo dell’insegnante è uno dei punti fondamentali del singolare approccio del Metodo. Questo tocco viene percepito come innocuo e allora le difese si disinnescano, ed è possibile entrare in uno stato di vigile ma profondo riposo, vicino alla trance.
Quando le mani desiderano unicamente percepire e trasmettere informazioni, cioè essere un neutro tramite, possono instaurare un dialogo privo di parole in grado di andare in profondità ed interagire con i livelli più remoti del sistema nervoso.

____

(1) Aree di pertinenza e attività:
Tronco encefalico: arousal, sonno/veglia, fame/sazietà, respirazione, equilibrio chimico…
Cervello limbico: relazione tra organismo e ambiente, pertinenza emotiva, categorizzazione, percezione…
Corteccia prefrontale: pianificazione e anticipazione, senso del tempo e del contesto, inibizione di azioni inappropriate, comprensione empatica…

(2) “Il cervello si sviluppa dal basso verso l’alto. Il cervello rettiliano (tronco encefalico) si sviluppa nel grembo materno ed organizza le funzioni vitali di base. È altamente sensibile alla minaccia, per tutta la durata della nostra vita. Il sistema limbico si organizza soprattutto durante i primi sei anni di vita, ma continua a svilupparsi in modo uso-dipendente. Il trauma ha l’impatto maggiore sul suo funzionamento durante il corso della vita. La corteccia prefrontale si sviluppa per ultima, ed è influenzata dall’esposizione ai traumi, tra cui l’impossibilità di filtrare le informazioni irrilevanti. Per tutta la vita, è suscettibile alla disconnessione in risposta alla minaccia“. Dal libro citato a pag 68

(3) Dall’alto verso il basso (up-bottom) e dal basso verso l’alto (bottom-up) sono da intendersi come semplificazione in riferimento al sistema nervoso (che comunque è una unità non divisibile): dall’alto si coinvolgono processi prettamente corticali. L’approccio dal basso coinvolge il sistema nervoso a partire dal tronco encefalico. Qui un’altra citazione al proposito dal medesimo libro.

(4) Qui in un mio tentativo di traduzione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy

Ai sensi dell’articolo 13 del codice della D.Lgs. 196/2003, vi rendiamo le seguenti informazioni.

Noi di www.feldenkrais-to.it riteniamo che la privacy dei nostri visitatori sia estremamente importante. Questo documento descrive dettagliatamente i tipi di informazioni personali raccolti e registrati dal nostro sito e come essi vengano utilizzati.

File di Registrazione (Log Files)

Come molti altri siti web, il nostro utilizza file di log. Questi file registrano semplicemente i visitatori del sito – di solito una procedura standard delle aziende di hosting e dei servizi di analisi degli hosting.

Le informazioni contenute nei file di registro comprendono indirizzi di protocollo Internet (IP), il tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), informazioni come data e ora, pagine referral, pagine d’uscita ed entrata o il numero di clic.

Queste informazioni vengono utilizzate per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento degli utenti sul sito e raccogliere informazioni demografiche. Gli indirizzi IP e le altre informazioni non sono collegate a informazioni personali che possono essere identificate, dunque tutti i dati sono raccolti in forma assolutamente anonima.

Questo sito web utilizza i Cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono automaticamente posizionati sul PC del navigatore all’interno del browser. Essi contengono informazioni di base sulla navigazione in Internet e grazie al browser vengono riconosciuti ogni volta che l’utente visita il sito.

Cookie Policy

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorarne l’esperienza di navigazione, consentire a chi naviga di usufruire di eventuali servizi online e monitorare la navigazione nel sito.

Come disabilitare i Cookies

E’ possibile disabilitare i cookies direttamente dal browser utilizzato, accedendo alle impostazioni (preferenze oppure opzioni): questa scelta potrebbe limitare alcune funzionalità di navigazione del sito.

Gestione dei Cookies

I cookies utilizzati in questo sito possono rientrare nelle categorie descritte di seguito.

  • Attività strettamente necessarie al funzionamento
    Questi cookies hanno natura tecnica e permettono al sito di funzionare correttamente. Ad esempio, mantengono l’utente collegato durante la navigazione evitando che il sito richieda di collegarsi più volte per accedere alle pagine successive.
  • Attività di salvataggio delle preferenze
    Questi cookie permettono di ricordare le preferenze selezionate dall’utente durante la navigazione, ad esempio, consentono di impostare la lingua.
  • Attività Statistiche e di Misurazione dell’audience (es: Google Analytics)
    Questi cookie ci aiutano a capire, attraverso dati raccolti in forma anonima e aggregata, come gli utenti interagiscono con i siti internet fornendo informazioni relative alle sezioni visitate, il tempo trascorso sul sito, eventuali malfunzionamenti. Questo aiuta a migliorare la resa dei siti internet.
  • Cookie di social media (es: Facebook)
    Questi cookie di terza parte vengono utilizzati per integrare alcune diffuse funzionalità dei principali social media e fornirle all’interno del sito. In particolare permettono la registrazione e l’autenticazione sul sito tramite facebook e google connect, la condivisione e i commenti di pagine del sito sui social, abilitano le funzionalità del “mi piace” su Facebook e del “+1″ su G+.

Finalità del trattamento

I dati possono essere raccolti per una o più delle seguenti finalità:

  • fornire l’accesso ad aree riservate del Portale e di Portali/siti collegati con il presente e all’invio di comunicazioni anche di carattere commerciale, notizie, aggiornamenti sulle iniziative di questo sito e delle società da essa controllate e/o collegate e/o Sponsor.
  • eventuale cessione a terzi dei suddetti dati, sempre finalizzata alla realizzazione di campagne di email marketing ed all’invio di comunicazioni di carattere commerciale.
  • eseguire gli obblighi previsti da leggi o regolamenti;
  • gestione contatti;

Modalità del trattamento

I dati verranno trattati con le seguenti modalità:

  • raccolta dati con modalità single-opt, in apposito database;
  • registrazione ed elaborazione su supporto cartaceo e/o magnetico;
  • organizzazione degli archivi in forma prevalentemente automatizzata, ai sensi del Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza, Allegato B del Codice della Privacy.

Natura obbligatoria

Tutti i dati richiesti sono obbligatori.

Diritti dell’interessato

Ai sensi ai sensi dell’art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) del Codice della Privacy, vi segnaliamo che i vostri diritti in ordine al trattamento dei dati sono:

  • conoscere, mediante accesso gratuito l’esistenza di trattamenti di dati che possano riguardarvi;
  • essere informati sulla natura e sulle finalità del trattamento
  • ottenere a cura del titolare, senza ritardo:
    • la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva l’esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni;
    • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
    • l’aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora vi abbia interesse, l’integrazione dei dati esistenti;
    • opporvi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che vi riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;

Vi segnaliamo che il titolare del trattamento ad ogni effetto di legge è:

  • Paolo Mosso
  • P. IVA 12243550014
  • Codice Fiscale: MSSPLA86C12L219L
  • Corso Vittorio Emanuele II, 80
  • 10121Torino (TO)
  • Tel/Fax: 3470744321
  • E-mail: paolo_mosso@hotmail.com

Per esercitare i diritti previsti all’art. 7 del Codice della Privacy ovvero per la cancellazione dei vostri dati dall’archivio, è sufficiente contattarci attraverso uno dei canali messi a disposizione.

Tutti i dati sono protetti attraverso l’uso di antivirus, firewall e protezione attraverso password.

Informazioni per i bambini

Riteniamo importante assicurare una protezione aggiunta ai bambini online. Noi incoraggiamo i genitori e i tutori a trascorrere del tempo online con i loro figli per osservare, partecipare e/o monitorare e guidare la loro attività online. Noi non raccogliamo dati personali di minori. Se un genitore o un tutore crede che il nostro sito abbia nel suo database le informazioni personali di un bambino, vi preghiamo di contattarci immediatamente (utilizzando la mail fornita) e faremo di tutto per rimuovere tali informazioni il più presto possibile.

Questa politica sulla privacy si applica solo alle nostre attività online ed è valida per i visitatori del nostro sito web e per quanto riguarda le informazioni condivise e/o raccolte. Questa politica non si applica a qualsiasi informazione raccolta in modalità offline o tramite canali diversi da questo sito web.

Consenso

Usando il nostro sito web, acconsenti alla nostra politica sulla privacy e accetti i suoi termini. Se desideri ulteriori informazioni o hai domande sulla nostra politica sulla privacy non esitare a contattarci.