Dolore cronico e disequilibrio

 

dolore cronico e disallineamento
dolore cronico e disallineamento
Un dolore cronico che tormenta

La maggior parte delle persone che ricevo lamenta dolore cronico.

Il tipo di dolore ovviamente varia da persona a persona, ma spesso capita di osservare dei dolori decisamente asimmetrici lungo la schiena. E vengono vissuti da molti come una sorta di tormento

Sembra che la persona sia sempre affaticata e che basti poco per peggiorare la situazione e intensificare la sensazione di dolore.

Sentirsi storti. Cosa significa?

Quando le persone si definiscono “storte” spesso intendono incurvate in avanti, cioè più o meno gobbe. Raramente tengono in considerazione l’equilibrio tra destra e sinistra o l’atteggiamento di torsione.

Ogni tanto qualcuno mi riferisce che un certo specialista gli ha detto che ha il “bacino storto”, ma non sempre sa spiegarmi precisamente cosa significa.

Molte persone conducono la loro esistenza con una spalla più bassa dell’altra, o con un’ala del bacino più sollevata dell’altra, e se ne accorgono solo quando qualcuno glielo dice o quando osservano una foto… e purtroppo difficilmente sanno come utilizzare questa informazione.

Ma l’argomento è complesso e provo ad avvicinarmici per approssimazioni.

Uno sguardo d’insieme sul disallineamento

Nessuno fa un utilizzo di sé perfettamente simmetrico. Tuttavia c’è differenza tra chi si trova in una tollerabile situazione di leggero disallineamento e chi vive in un marcato e costante disequilibrio.

Per cogliere la questione occorre una visione di insieme: una testa inclinata da un lato ha bisogno di qualcosa che la sostenga e non la faccia cadere. Tale lavoro compensativo a livello del dorso provoca un utilizzo limitato e asimmetrico della cassa toracica e quindi del tratto di colonna dorsale, che avrà una mobilità diversa sui due lati. Un tratto dorsale così organizzato probabilmente non è proiettato al centro del bacino, ma preferisce un lato. A sua volta il bacino deve compensare spingendo un lato maggiormente verso il pavimento; di conseguenza l’utilizzo delle gambe non sarà simmetrico e le varie articolazioni saranno coinvolte in maniera diversa, ricevendo diversamente il peso del corpo.

Nel descrivere questa situazione sono partito dalla testa per comodità, ma non sempre reputo importante stabilire un punto di partenza: non serve lavorare solo con la testa, o con una parte. L’intero SÉ è coinvolto in questa organizzazione e tutto, contemporaneamente, lavora per mantenere l’equilibrio. Quindi non è nemmeno appropriato ragionare per distretti (“il bacino va di qua e il tratto dorsale di là”) perché ogni singola parte della struttura è coinvolta e il lavoro è distribuito. E laddove c’è una peggiore distribuzione si manifesta il dolore cronico. Come dicevo è un’approssimazione che tiene conto solo dell’asse orizzontale. 

Gli instancabili muscoli antigravitari

Mantenere l’equilibrio è un lavoro che facciamo senza accorgercene. Provate ad allungare un braccio in avanti e a sporgervi come per raggiungere qualcosa lontano da voi. Suppongo non siate caduti, e se è così è perché alcune funzioni primarie del sistema nervoso vi hanno mantenuti in equilibrio. Ma non sapete di preciso cosa avete fatto per non cadere.

Mantenere l’equilibrio è un lavoro che viene fatto costantemente, di riflesso, anche dalla persona con la postura migliore del pianeta. Poiché il baricentro quando si sta in piedi o seduti cade leggermente più avanti del centro e i muscoli antigravitari fanno un costante lavoro sottotraccia per mantenere la posizione eretta. 

Quindi immaginate cosa avviene in chi si trova in un marcato disequilibrio, la sua azione antigravitaria è così complicata da generare dolore cronico in uno o più punti… Questo è un costante conflitto tra il lavoro antigravitario e le tensioni che portano fuori asse. Il risultato? Una grande fatica, forse un tormento

Strumenti di indagine

Quando ricevo qualcuno che lamenta tali fastidi, faccio dei test molto semplici per avere un riscontro oggettivo dei disallineamenti, per definire questi equilibri, e soprattutto per far sentire alla persona il modo in cui distribuisce il proprio peso dalla testa ai piedi.

Questo non è un aspetto semplice, perché quasi sistematicamente chi si ritrova in un forte disallineamento percepisce il contrario di quello che osservo con gli occhi.

Cioè chi ad esempio utilizza il bacino in modo che “penda” e appoggi maggiormente da un lato, solitamente percepisce di pendere dall’altro lato. Ed è probabile, tra l’altro, che quando avrà un intensificarsi del dolore, sentendosi snervato, cercherà di mettersi “dritto” e peggiorerà la situazione, perché con ogni probabilità farà il contrario di ciò che gli potrebbe giovare, concludendo quindi di essere tormentato da un dolore cronico spietato…

Strumenti di azione

Per semplicità ai miei clienti propongo il ragionamento che ho definito per “distretti”, spezzettando l’attenzione su come le varie parti sono allineate tra loro, su come alcune vanno a destra e altre a sinistra, alcune avanti e altre indietro. Tutto questo durante il primo incontro.

Poi invito a calare nella pratica questa osservazione: prima ci si accorge che in ogni circostanza – anche quando si dorme – si mantiene in maniera attiva questo disallineamento, meglio è. La consapevolezza è il primo passo che accompagna tutti gli altri, e permette alla percezione di raffinarsi col tempo.

Poi un lavoro mirato, studiato sulla storia corporea e sulle proprie peculiarità, traccerà una via per uscire da questo impasse del dolore cronico.

Non dimentichiamo infine che c’è un fattore che rende la rieducazione più complicata di come si potrebbe pensare. È tanto ovvio quanto ignorato dalla maggior parte dei “rimedi” che mi sembra di trovare in giro: la forza di gravità!
Il disallineamento, una volta avviato, tende ad accartocciarsi su se stesso e a peggiorare col passare del tempo, trasformando piccoli fastidi transitori in dolore cronico. Bisogna quindi tenere conto dello schiacciamento operato dalla gravità, con un approccio studiato anche per reversibilizzare questa azione

Notare bene che si tratta di una rieducazione, non di una terapia, che va seguita in compatibilità e in accordo col proprio eventuale percorso medico.

In conclusione

Non basta analizzare alcune asimmetrie e lavorarci sopra, spesso non è sufficiente lavorare localmente con le zone dolenti, non basta quindi ragionare settorialmente e per compartimenti stagni, occorre una visione di insieme che ponga la biomeccanica dell’intera struttura e la storia della persona in relazione alla forza di gravità.

“Se sarete capaci di insegnare alla gente a stare in piedi sulle proprie gambe e a piacersi così, sarete richiesti in tutto il mondo”. M. Feldenkrais

Argomenti correlati: Alla ricerca delle cause del dolore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy

Ai sensi dell’articolo 13 del codice della D.Lgs. 196/2003, vi rendiamo le seguenti informazioni.

Noi di www.feldenkrais-to.it riteniamo che la privacy dei nostri visitatori sia estremamente importante. Questo documento descrive dettagliatamente i tipi di informazioni personali raccolti e registrati dal nostro sito e come essi vengano utilizzati.

File di Registrazione (Log Files)

Come molti altri siti web, il nostro utilizza file di log. Questi file registrano semplicemente i visitatori del sito – di solito una procedura standard delle aziende di hosting e dei servizi di analisi degli hosting.

Le informazioni contenute nei file di registro comprendono indirizzi di protocollo Internet (IP), il tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), informazioni come data e ora, pagine referral, pagine d’uscita ed entrata o il numero di clic.

Queste informazioni vengono utilizzate per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento degli utenti sul sito e raccogliere informazioni demografiche. Gli indirizzi IP e le altre informazioni non sono collegate a informazioni personali che possono essere identificate, dunque tutti i dati sono raccolti in forma assolutamente anonima.

Questo sito web utilizza i Cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono automaticamente posizionati sul PC del navigatore all’interno del browser. Essi contengono informazioni di base sulla navigazione in Internet e grazie al browser vengono riconosciuti ogni volta che l’utente visita il sito.

Cookie Policy

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorarne l’esperienza di navigazione, consentire a chi naviga di usufruire di eventuali servizi online e monitorare la navigazione nel sito.

Come disabilitare i Cookies

E’ possibile disabilitare i cookies direttamente dal browser utilizzato, accedendo alle impostazioni (preferenze oppure opzioni): questa scelta potrebbe limitare alcune funzionalità di navigazione del sito.

Gestione dei Cookies

I cookies utilizzati in questo sito possono rientrare nelle categorie descritte di seguito.

  • Attività strettamente necessarie al funzionamento
    Questi cookies hanno natura tecnica e permettono al sito di funzionare correttamente. Ad esempio, mantengono l’utente collegato durante la navigazione evitando che il sito richieda di collegarsi più volte per accedere alle pagine successive.
  • Attività di salvataggio delle preferenze
    Questi cookie permettono di ricordare le preferenze selezionate dall’utente durante la navigazione, ad esempio, consentono di impostare la lingua.
  • Attività Statistiche e di Misurazione dell’audience (es: Google Analytics)
    Questi cookie ci aiutano a capire, attraverso dati raccolti in forma anonima e aggregata, come gli utenti interagiscono con i siti internet fornendo informazioni relative alle sezioni visitate, il tempo trascorso sul sito, eventuali malfunzionamenti. Questo aiuta a migliorare la resa dei siti internet.
  • Cookie di social media (es: Facebook)
    Questi cookie di terza parte vengono utilizzati per integrare alcune diffuse funzionalità dei principali social media e fornirle all’interno del sito. In particolare permettono la registrazione e l’autenticazione sul sito tramite facebook e google connect, la condivisione e i commenti di pagine del sito sui social, abilitano le funzionalità del “mi piace” su Facebook e del “+1″ su G+.

Finalità del trattamento

I dati possono essere raccolti per una o più delle seguenti finalità:

  • fornire l’accesso ad aree riservate del Portale e di Portali/siti collegati con il presente e all’invio di comunicazioni anche di carattere commerciale, notizie, aggiornamenti sulle iniziative di questo sito e delle società da essa controllate e/o collegate e/o Sponsor.
  • eventuale cessione a terzi dei suddetti dati, sempre finalizzata alla realizzazione di campagne di email marketing ed all’invio di comunicazioni di carattere commerciale.
  • eseguire gli obblighi previsti da leggi o regolamenti;
  • gestione contatti;

Modalità del trattamento

I dati verranno trattati con le seguenti modalità:

  • raccolta dati con modalità single-opt, in apposito database;
  • registrazione ed elaborazione su supporto cartaceo e/o magnetico;
  • organizzazione degli archivi in forma prevalentemente automatizzata, ai sensi del Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza, Allegato B del Codice della Privacy.

Natura obbligatoria

Tutti i dati richiesti sono obbligatori.

Diritti dell’interessato

Ai sensi ai sensi dell’art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) del Codice della Privacy, vi segnaliamo che i vostri diritti in ordine al trattamento dei dati sono:

  • conoscere, mediante accesso gratuito l’esistenza di trattamenti di dati che possano riguardarvi;
  • essere informati sulla natura e sulle finalità del trattamento
  • ottenere a cura del titolare, senza ritardo:
    • la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva l’esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni;
    • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
    • l’aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora vi abbia interesse, l’integrazione dei dati esistenti;
    • opporvi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che vi riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;

Vi segnaliamo che il titolare del trattamento ad ogni effetto di legge è:

  • Paolo Mosso
  • P. IVA 12243550014
  • Codice Fiscale: MSSPLA86C12L219L
  • Corso Vittorio Emanuele II, 80
  • 10121Torino (TO)
  • Tel/Fax: 3470744321
  • E-mail: paolo_mosso@hotmail.com

Per esercitare i diritti previsti all’art. 7 del Codice della Privacy ovvero per la cancellazione dei vostri dati dall’archivio, è sufficiente contattarci attraverso uno dei canali messi a disposizione.

Tutti i dati sono protetti attraverso l’uso di antivirus, firewall e protezione attraverso password.

Informazioni per i bambini

Riteniamo importante assicurare una protezione aggiunta ai bambini online. Noi incoraggiamo i genitori e i tutori a trascorrere del tempo online con i loro figli per osservare, partecipare e/o monitorare e guidare la loro attività online. Noi non raccogliamo dati personali di minori. Se un genitore o un tutore crede che il nostro sito abbia nel suo database le informazioni personali di un bambino, vi preghiamo di contattarci immediatamente (utilizzando la mail fornita) e faremo di tutto per rimuovere tali informazioni il più presto possibile.

Questa politica sulla privacy si applica solo alle nostre attività online ed è valida per i visitatori del nostro sito web e per quanto riguarda le informazioni condivise e/o raccolte. Questa politica non si applica a qualsiasi informazione raccolta in modalità offline o tramite canali diversi da questo sito web.

Consenso

Usando il nostro sito web, acconsenti alla nostra politica sulla privacy e accetti i suoi termini. Se desideri ulteriori informazioni o hai domande sulla nostra politica sulla privacy non esitare a contattarci.