Alla ricerca delle cause del dolore

Metodo Feldenkrais per chi soffre di dolori cronici e mal di schiena

La precisione del dolore

“Lì è dove mi fa male. Anzi non proprio lì, tre millimetri più su Adesso appena appena un po’ più a destra. Ecco, è proprio lì”

Mi capita spesso di sentire indicazioni come questa. E ogni volta mi sorprende notare come possiamo essere estremamente abili nel conoscere e circoscrivere le sensazioni sgradevoli o di dolore.

Del dolore si tende a conoscere ogni cosa legata alla sua manifestazione. C’è chi sa dire le ore in cui si intensifica, o le circostanze esterne che lo favoriscono. Alcuni ne parlano anche con mistero o imbarazzo quando notano che a volte può scomparire e “spostarsi” altrove, o ricomparire in maniera apparentemente slegata da quanto si è compreso finora.

Logicamente, chi ha dolore in un punto che può localizzare in maniera estremamente precisa, quando si rivolge a qualcuno a cui vorrebbe affidare la risoluzione o l’alleviamento del dolore, si aspetta che questo “esperto” instauri un dialogo personalissimo con quel dolore, e con la zona che fa male e che dedichi attenzione quasi solo a questa.

Per alleggerire queste aspettative solitamente dico: “questa zona in cui hai male la conosci fin troppo bene”. 

So bene che manipolarla infonderebbe piacere, ma a mio avviso è il piacere simile che dà l’analgesico: allevia il dolore e non interagisce con la causa. Tuttavia, è un sollievo la cui importanza non è da da sottovalutare e che non voglio risparmiare alla persona.

Il pregiudizio del dolore

Se la causa del dolore fosse esattamente dove sentiamo dolore, allora probabilmente non avremmo bisogno di aiuto per “risolverlo”, o integrarlo, perché sapremmo già tutto; non servirebbe cioè rivolgersi a qualcuno capace di vedere le cose in un modo a noi ancora non accessibile.

Pensiamo alla colonna vertebrale: ci sono delle zone cieche della nostra struttura che non sappiamo di avere e che non percepiamo, e di conseguenza non muoviamo

Lì è dove molto spesso si nascondono profondamente degli atteggiamenti di tenuta che possono procurare altrove un dolore di riassestamento o compensazione.

Chi ha male si accanisce sempre sulla parte dolorante, a volte la incolpa persino o gli dirige degli improperi. Sostiene che lì e solo lì ci sia qualcosa che non va, che va sistemata e tutto funzionerà a meraviglia.

Tanto dolore = tanto lavoro

Probabilmente invece la zona dolorante è sovraccarica di lavoro. In un certo senso sta facendo il massimo che le è concesso, nel gioco di equilibri in cui non può fare più di quanto le è possibile. 

Bisogna vedere se da qualche altra parte ci sono delle zone che vengono tenute immobili, che non partecipano ai movimenti e alla distribuzione del lavoro. Sono per certi versi addormentate e occorre risvegliarle; così facendo la zona dolorante potrà lavorare di meno e quindi alleggerirsi.

I punti dolenti non ne possono più di sopperire al lavoro “straordinario”, e inviano segnali di stress e dolore[1].

Le resistenze primarie

Perché quindi alcune parti di noi non partecipano al movimento e al lavoro a discapito di altre? Non sempre è importante stabilire il motivo per ritrovare sollievo: è perché stanno difendendo la struttura da un trauma subito in passato? O perché in origine renderle immobili infondeva una sensazione di sicurezza e controllo? È una conseguenza delle abitudini di movimento e stasi?

Quali che siano le risposte, se il sistema nervoso è organizzato in maniera da tenere attive certe resistenze muscolari, significa che al momento questa è la soluzione migliore al netto di tutto ciò che condiziona e ha condizionato i nostri comportamenti. Potrà imparare a fare diversamente quando gli sarà possibile fare esperienza di alternative più vantaggiose.

L’Integrazione Funzionale

Nessuno ha consapevolezza delle proprie resistenze muscolari perché queste vengono prese in carico da regioni remote del sistema nervoso. I collegamenti tra resistenze muscolari e dolori cronici sono insospettabili, e per questo c’è bisogno di un intervento esterno per creare qualche variazione nel circolo vizioso del dolore cronico e trovare sollievo. 

Il dr. Feldenkrais parlava di “illuminazioni” riferendosi alle prese di consapevolezza delle resistenze muscolari: una volta che emergono alla nostra attenzione, in un certo senso nulla è come prima.

Il lavoro di Integrazione Funzionale da lui ideato ha proprio l’obiettivo di integrare nei movimenti funzionali di base tutte le parti di sé che possono parteciparvi, senza lasciarne alcune in disparte o immobili.

________

ps: questo breve scritto non intende proporre il Metodo Feldenkrais come alternativa ai percorsi terapici. Il Metodo Feldenkrais lavora nel campo dell’apprendimento e pertanto si propone di dare un punto di vista anche in materia di dolore cronico articolare sotto un’ottica funzionale e di apprendimento dell’utilizzo del sistema muscolo-scheletrico.

[1] – Teniamo presente che le cellule muscolari sono le ultime a stancarsi, prima si stancano quelle di comunicazione tra le cellule del cervello e quelle dei muscoli, e prima di tutte quelle nel cervello. Il dolore cronico non è solo un difetto che può essere messo a posto, dal punto di vista del sistema nervoso è quasi come un incendio che si propaga su più livelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy

Ai sensi dell’articolo 13 del codice della D.Lgs. 196/2003, vi rendiamo le seguenti informazioni.

Noi di www.feldenkrais-to.it riteniamo che la privacy dei nostri visitatori sia estremamente importante. Questo documento descrive dettagliatamente i tipi di informazioni personali raccolti e registrati dal nostro sito e come essi vengano utilizzati.

File di Registrazione (Log Files)

Come molti altri siti web, il nostro utilizza file di log. Questi file registrano semplicemente i visitatori del sito – di solito una procedura standard delle aziende di hosting e dei servizi di analisi degli hosting.

Le informazioni contenute nei file di registro comprendono indirizzi di protocollo Internet (IP), il tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), informazioni come data e ora, pagine referral, pagine d’uscita ed entrata o il numero di clic.

Queste informazioni vengono utilizzate per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento degli utenti sul sito e raccogliere informazioni demografiche. Gli indirizzi IP e le altre informazioni non sono collegate a informazioni personali che possono essere identificate, dunque tutti i dati sono raccolti in forma assolutamente anonima.

Questo sito web utilizza i Cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono automaticamente posizionati sul PC del navigatore all’interno del browser. Essi contengono informazioni di base sulla navigazione in Internet e grazie al browser vengono riconosciuti ogni volta che l’utente visita il sito.

Cookie Policy

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorarne l’esperienza di navigazione, consentire a chi naviga di usufruire di eventuali servizi online e monitorare la navigazione nel sito.

Come disabilitare i Cookies

E’ possibile disabilitare i cookies direttamente dal browser utilizzato, accedendo alle impostazioni (preferenze oppure opzioni): questa scelta potrebbe limitare alcune funzionalità di navigazione del sito.

Gestione dei Cookies

I cookies utilizzati in questo sito possono rientrare nelle categorie descritte di seguito.

  • Attività strettamente necessarie al funzionamento
    Questi cookies hanno natura tecnica e permettono al sito di funzionare correttamente. Ad esempio, mantengono l’utente collegato durante la navigazione evitando che il sito richieda di collegarsi più volte per accedere alle pagine successive.
  • Attività di salvataggio delle preferenze
    Questi cookie permettono di ricordare le preferenze selezionate dall’utente durante la navigazione, ad esempio, consentono di impostare la lingua.
  • Attività Statistiche e di Misurazione dell’audience (es: Google Analytics)
    Questi cookie ci aiutano a capire, attraverso dati raccolti in forma anonima e aggregata, come gli utenti interagiscono con i siti internet fornendo informazioni relative alle sezioni visitate, il tempo trascorso sul sito, eventuali malfunzionamenti. Questo aiuta a migliorare la resa dei siti internet.
  • Cookie di social media (es: Facebook)
    Questi cookie di terza parte vengono utilizzati per integrare alcune diffuse funzionalità dei principali social media e fornirle all’interno del sito. In particolare permettono la registrazione e l’autenticazione sul sito tramite facebook e google connect, la condivisione e i commenti di pagine del sito sui social, abilitano le funzionalità del “mi piace” su Facebook e del “+1″ su G+.

Finalità del trattamento

I dati possono essere raccolti per una o più delle seguenti finalità:

  • fornire l’accesso ad aree riservate del Portale e di Portali/siti collegati con il presente e all’invio di comunicazioni anche di carattere commerciale, notizie, aggiornamenti sulle iniziative di questo sito e delle società da essa controllate e/o collegate e/o Sponsor.
  • eventuale cessione a terzi dei suddetti dati, sempre finalizzata alla realizzazione di campagne di email marketing ed all’invio di comunicazioni di carattere commerciale.
  • eseguire gli obblighi previsti da leggi o regolamenti;
  • gestione contatti;

Modalità del trattamento

I dati verranno trattati con le seguenti modalità:

  • raccolta dati con modalità single-opt, in apposito database;
  • registrazione ed elaborazione su supporto cartaceo e/o magnetico;
  • organizzazione degli archivi in forma prevalentemente automatizzata, ai sensi del Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza, Allegato B del Codice della Privacy.

Natura obbligatoria

Tutti i dati richiesti sono obbligatori.

Diritti dell’interessato

Ai sensi ai sensi dell’art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) del Codice della Privacy, vi segnaliamo che i vostri diritti in ordine al trattamento dei dati sono:

  • conoscere, mediante accesso gratuito l’esistenza di trattamenti di dati che possano riguardarvi;
  • essere informati sulla natura e sulle finalità del trattamento
  • ottenere a cura del titolare, senza ritardo:
    • la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva l’esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni;
    • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
    • l’aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora vi abbia interesse, l’integrazione dei dati esistenti;
    • opporvi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che vi riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;

Vi segnaliamo che il titolare del trattamento ad ogni effetto di legge è:

  • Paolo Mosso
  • P. IVA 12243550014
  • Codice Fiscale: MSSPLA86C12L219L
  • Corso Vittorio Emanuele II, 80
  • 10121Torino (TO)
  • Tel/Fax: 3470744321
  • E-mail: paolo_mosso@hotmail.com

Per esercitare i diritti previsti all’art. 7 del Codice della Privacy ovvero per la cancellazione dei vostri dati dall’archivio, è sufficiente contattarci attraverso uno dei canali messi a disposizione.

Tutti i dati sono protetti attraverso l’uso di antivirus, firewall e protezione attraverso password.

Informazioni per i bambini

Riteniamo importante assicurare una protezione aggiunta ai bambini online. Noi incoraggiamo i genitori e i tutori a trascorrere del tempo online con i loro figli per osservare, partecipare e/o monitorare e guidare la loro attività online. Noi non raccogliamo dati personali di minori. Se un genitore o un tutore crede che il nostro sito abbia nel suo database le informazioni personali di un bambino, vi preghiamo di contattarci immediatamente (utilizzando la mail fornita) e faremo di tutto per rimuovere tali informazioni il più presto possibile.

Questa politica sulla privacy si applica solo alle nostre attività online ed è valida per i visitatori del nostro sito web e per quanto riguarda le informazioni condivise e/o raccolte. Questa politica non si applica a qualsiasi informazione raccolta in modalità offline o tramite canali diversi da questo sito web.

Consenso

Usando il nostro sito web, acconsenti alla nostra politica sulla privacy e accetti i suoi termini. Se desideri ulteriori informazioni o hai domande sulla nostra politica sulla privacy non esitare a contattarci.